Nebüla: È da oggi disponibile per la Seahorse Recordings l’album “Supernovae”

Nebüla
“Supernovae”
Esce oggi per la Seahorse Recordings il nuovo album del progetto solista di Azzurra Buccoliero

Ascolta “Supernovae” su Spotify

Guarda il video del singolo “I ragazzi di Strudà”

Dopo le esperienze con i Blùmia, con cui pubblica due album, Azzurra Buccoliero da vita alla sua nuova creatura e al suo progetto solista con  Nebüla. “Supernovae” è il suo album di debutto pubblicato da  Seahorse Recordings, anticipato dal singolo “I ragazzi di Strudà” e rappresenta una rinascita artistica, una “nuova esigenza”. É un album di sentimenti, scritto con il cuore, fatto di luci e di ombre, in grado di riportare l’ascoltatore alla sua adolescenza, per poi ricondurlo all’età adulta. Le otto canzoni che compongono il disco ripercorrono svariate epoche della vita dell’artista, ma anche degli esseri umani in generale. Si parte da  Terra.0, il brano in cui Nebula immagina l’uomo che si conduce lentamente da solo verso l’estinzione, un arrogante Icaro che pagherà le conseguenze delle sue azioni. Le sonorità morbide e retrò scivolano in Matador  che apre una finestra sul reale e l’attuale problema della violenza sulle donne: tra scale frigie e atmosfere spagnoleggianti, il sangue di una donna è stato versato insieme alla sua dignità. West cittadino riporta l’ascoltatore verso una jungle-urbana carica di suoni blues e assoli “seri” e immagini ironiche che ci riconducono al concetto legato ai vari aspetti dell’animo umano. L’incapacità di poter aiutare qualcuno che si ama e che è lontano da noi miliardi di anni è il tema di  Cuore in bacheca, il sound si fa più cupo e dissonante, caratterizzato da frammenti stoppati. Si scivola cullati da una dolce lap steel in  L0ceano nel letto, una tipica ballad malinconica dal sapore country che parla di un amore sterile. L’album accelera con  I ragazzi di Strudà, il singolo di questo album: scenario Uno felliniano ci racconta la storia di questo Paese e la linea sottile fra pazzia e normalità, con suoni post rock e bassi incalzanti. In  Il fiore del male c’è la rappresentazione dei rapporti moderni e dell’età adulta condito da dinamiche ondulate più aggressive e in alcuni tratti sussurate. Si chiude con  The Fucking World, testo ispirato all’omonima serie Netflix “The End Of This Fucking World” che ci riporta ai nostri 16 anni, apre una finestra sulla nostra libertà, sul senso di incoscienza totale e insubordinazione agli schemi sociali… ” fuggi da chi non ti vuole come sei “… Un classico brano rock Anni ’90.

Tracklist
1. Terra.0
2. Matador
3. West cittadino
4. Cuore in bacheca
5. L’oceano nel letto
6. I ragazzi di Strudà
7. Il fiore del male
8. The Fucking World

Crediti
Testi, musiche e arrangiamenti di Azzurra Buccoliero.
Voce, sax, armoniche – Azzurra Buccoliero
Chitarre – Paolo Boracchi
Basso – Manuela Bizantino
Batteria – Tristano Cannoletta

Prodotto, missato e masterizzato da Paolo Messere – Seahorse Recordings

Link
Label
Facebook

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...