La Toscanini Next rilegge Verdi in chiave pop-rock, l’evento si terrà l’8 settembre al Rossini Open, Lugo di Romagna

L’ensemble “under35” della Filarmonica Toscanini dedito alle rivisitazioni in chiave pop/rock dei grandi classici, debutta l’8 settembre a Lugo di Romagna nell’ambito del Festival Rossini Open. Diretto da Roger Catino con la voce di Matteo Mazzoli, la Toscanini Next proporrà un programma di “hit” verdiane, “Next for Verdi”, in una nuova veste che incuriosisce e fa discutere, al punto che verrebbe da dire, “astenersi tradizionalisti”. Di che si tratta e cosa si nasconde sotto questo strano titolo e questa strana denominazione? L’orchestra parmigiana è un complesso formato da giovani strumentisti, frutto di un percorso di alta formazione che si fonde e si completa con un’attività concertistica professionale. Nata giovane, La Toscanini Next porta la musica nelle piazze, nei luoghi della cultura e della memoria e nelle periferie cittadine per avvicinare il pubblico. In “Next for Verdi” presenta una carrellata di nuove rielaborazioni in chiave pop/rock di brani tratti da Nabucco, Rigoletto, Traviata, Luisa Miller fino alla Messa da Requiem, rielaborati dallo stesso direttore, Roger Catino Per il melomane sarà una specie di serata a quiz per riconoscere e apprezzare in veste nuova le arie e i temi verdiani più famosi. Qualcuno rimarrà forse spiazzato, ma sicuramente vincerà la curiosità e la novità, e soprattutto la grandezza eternamente inattaccabile di Giuseppe Verdi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...