LA CHANCE SU MARTE: “INCONTRI RAVVICINATI”, IL CAOS EMOTIVO TRAMORTITO CON STILE DA QUESTO DISCO DI ELEVATA CARATURA SOCIOMUSICALE

Un caloroso saluto a tutti i nostri lettori affezionati, oggi vi presentiamo “Incontri Ravvicinati”, il nuovo album della band indie pop marchigiana La Chance Su Marte, uscito il 5 novembre del 2021, per l’etichetta discografica ferrarese Alka Record Label. L’album presenta 8 tracce introspettive, valenti ed irresistibili. Con La Chance Su Marte sarà come andare ad un loro concerto, seppur in periodo di pandemia, è come se fossero in nostra compagnia, è un album che riesce ad annullare il distanziamento sociale, in grado di trasmettere un intenso e pervaso calore umano, con loro il caos esistenziale viene tramortito con stile, merito anche di un rock eterogeneo che sposa anche generi indie pop, elettropop ed ambient. I testi non sono banali, sono ricchi di introspezione e motivazionali. Il primo brano “King Kong”, abbraccia un’interessante sonorità pop rock energizzante. “King Kong”, riesce a catalizzare con successo l’attenzione del pubblico con: chitarre elettriche ed acustiche spensierate, basso avvolgente, canto eccelso ed accurato, un pianoforte solare. Il brano è la perfetta incarnazione delle nostre pulsioni più profonde, troppo spesso censurate, saper anche ritrovare noi stessi in periodi difficili è la chiave di volta per trovare una corretta dimensione esistenziale. Il secondo brano “Capoeira”, è un autentico scacciapensieri, viaggiare con la mente a ruota libera è un bene necessario per non impazzire: la musica e l’amore sono potenti mezzi che conducono all’armonia esistenziale, le brutte giornate hanno i secondi contati. “Capoeria”, incorpora un rock sognante, incoraggiante e magnifico: synth estasiante, chitarre oniriche e frequenze basse prosperose. La terza traccia “Robin Hood”, tenta magistralmente di abbattere tutti i muri emotivi che costruiamo intorno a noi nel corso della nostra vita. “Robin Hood” smuove la coscienza collettiva, dare un senso al nostro tempo ed alla nostra vita è fondamentale, spezzare le catene delle monotonia e della depressione esistenziale ci farà scoprire un mondo differente e più amichevole. “Robin Hood”, punta anche al potenziamento di relazioni umane più salutari e veritiere. Il comparto sonoro di “Robin Hood”, presenta un groove liberatorio e magnetico: bassi divaricati ed elettrizzanti, chitarre elettriche pregiatamene emulsionanti ed echeggianti. La quarta traccia “Frodo e l’agente Smith”, si focalizza sul tormento d’amore, quell’amore infranto in mille pezzi, eppure bisognerà con pazienza raccogliere i cocci seppur taglienti del proprio cuore e tentare di ricomporlo. Sonorità sublime per “Frodo e l’agente Smith”, rock ed elettropop si intersecano brillantemente: synth, chitarre e basso sono una favola, riascoltare questa traccia più volte è un piacere per le nostre orecchie. Il quinto brano “Sono contento così”, porta con sé un messaggio fondamentale: restare sé stessi e lungimiranti è il modo giusto per affrontare le intemperie della vita, illudersi porta solo tremendi e lancinanti singhiozzi al nostro cuore. “Sono contento così”, ci trasporta in una dimensione sonora appagante: chitarre esaltanti e dolcemente riverberanti, basso armonizzato, canto altamente motivazionale. La sesta traccia “Melevisione”, ci rende ugualmente partecipi grazie al sound introspettivo, dove rock ed ambient si abbracciano con rispetto, restituendo un ascolto pulito, lodevole e soprattutto impressionate: synth anni ‘80, chitarre elettriche esplosive come razzi spaziali in partenza, canto e cori suggestivi, basso caldo e soave. “Melevisione”, punta a svelare le menzogne che ci propinano in continuazione i mass media; giocare sulla semantica delle parole, sminuendo a sua volta il loro valore, è un brano che denuncia i concetti e le parole da sempre abusate come: l’amore, l’amicizia, l’onestà intellettuale e la pace. Il settimo brano “Ancora una volta”, calza a pennello in questa emergenza pandemica: ci salveremo ancora una volta, saremo ancora più forti di prima, un canto di speranza condito di spinta emotiva a fare sempre meglio, insieme si è più forti. “Ancora una volta” amplia i nostri orizzonti sonori con un pop rock espansivo e fiducioso: chitarre elettriche efficaci, batteria dirompente, canto pregevolissimo. L’ultimo brano “Baudelaire”, è l’introspezione fatta musica: basso, chitarra, pianoforte, batteria e canto ci trasportano con leggerezza in una dimensione fantasmagorica e distensiva. “Baudelaire”, con immensa poeticità ci sussurra che non bisogna fare il passo più lungo della gamba (quando non è necessario), bisogna pretendere con criterio, quando non esiste un’autentica uguaglianza (in generale), Baudelaire ci ha insegnato a non coltivare i paradisi artificiali, dietro ad essi esiste solo l’oblio e la schiavitù. La gloriosa band indie pop marchigiana, non delude le nostre aspettative. Tale è l’originalità dei testi e del sound, tale la capacità della band di adottare punti di vista assolutamente inediti sul nostro mondo e sui modi della nostra socialità, da rappresentare simultaneamente tanto una sfida a breve termine (una società meno individualista) e un’opportunità speciale offerta al grande pubblico (vivere e non semplicemente sopravvivere).

TRACKLIST

1. King Kong

2. Capoeira

3. Robin Hood

4. Frodo e l’agente Smith

5. Sono contento così

6. Melevisione

7. Ancora una volta

8. Boudelaire


BIOGRAFIA

La Band nasce ad Ancona (Marche). Nell’estate 2016, incontra l’Alka Record Label di Ferrara, che si mostra interessata alle potenzialità dei ragazzi. L’etichetta, dopo aver conosciuto un po’ la band, le propone subito la prima sfida: Iniziare a comporre testi in italiano; così da incontrarsi, nei mesi successivi, negli studi di Ferrara (Jolanda di Savoia) ed iniziare questa collaborazione. Qui la band lavora per un’intensa settimana, giorno e notte, alla stesura di 3 nuovi brani con nuovi arrangiamenti. Per un intenso anno la band continua a lavorare sulle innovazioni del sound, della tecnica e dei testi per tornare in studio dai suoi Produttori. Stessi produttori sì, ma questa volta ad ospitarli sarà l’Animal House Studio di Ferrara di Federico Viola dove verranno registrati altri 5 brani. Qui si chiude il primo cerchio per la band, arrivando a completare otto singoli che andranno a comporre l’album. Intanto la band viene selezionata tra i primi sessanta partecipanti di Musicultura, una prestigiosa rassegna musicale a livello Nazionale. Il nome scelto per il CD è “Come ci viene”, come uno dei pezzi che contiene, proveniente dalla prima esperienza in studio a Jolanda di Savoia. “Come ci viene”, la title track dell’album, è anche proposta come singolo, accompagnato dal video girato in collaborazione con i Ware en Valse che potrete trovare nel canale Youtube della band, “La Chance su Marte”, dall’8 maggio 2018. Il 18 Maggio 2018 esce finalmente l’album, con i master seguiti da Luca Pernici, che è possibile trovare ed acquistare sia in copia fisica che su ogni piattaforma digitale (Spotify, i-Tunes, Deezer…) e che la band sta portando live ad ogni sua serata. Nell’estate 2019 la band si dedica ai concerti per promuovere le nuove uscite e alla scrittura di nuovi brani per tornare ad incidere all’Animal House Studio 4 nuovi pezzi. Questi suscitano l’interesse del MEI (Meeting degli Indipendenti) e Materiali Musicali, due grandi realtà per l’indie italiano, che decidono di prenderne le edizioni. Proprio durante la quarantena, quando tutto sembrava fermarsi escono due singoli: il primo, “King Kong”, il 17 aprile 2020 e poi “Ancora Una Volta” il 26 giugno. Nel video di “Ancora Una Volta” la band vuole mandare un messaggio di ripresa e ripartenza, realizzandolo con l’aiuto di tutti i propri fan, che nella clip si vedono cantare il brano. Ad agosto 2020 il gruppo torna in studio, ma ancora un cambiamento li aspetta. Si ritrovano al nuovo quartier generale dell’Alka Record Label, il Natural HeadQuarter Studio di Manuele Fusaroli che seguirà i master dei nuovi brani della band. Il 3 Dicembre 2020 esce il nuovo singolo “Sono Contento Così”. Tra aprile e settembre 2021 escono i singoli “Robin Hood” (accompagnato dal videoclip, disponibile dal 29 Aprile 2021 su Youtube), “Capoeira” “Frodo e l’agente Smith”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...