Juan Diego Florez è il nuovo direttore artistico del Rof

Nuovo corso al Rossini Opera Festival di Pesaro, uno dei più rinomati festival italiani a livello internazionale: Juan Diego Flórez è stato nominato direttore artistico dal Consiglio di Amministrazione della manifestazione, su indicazione del sovrintendente Ernesto Palacio. L’artista, uno dei maggiori cantanti lirici della scena internazionale, coadiuverà il sovrintendente nell’ideazione e nella composizione dei programmi futuri del Festival, andando ad occupare un ruolo svolto negli ultimi anni dallo stesso Palacio, che aveva un doppio incarico (oltre alla direzione dell’Accademia Rossiniana). Cambia anche il direttore generale: a seguito della procedura comparativa ad evidenza pubblica e sentito il parere della Commissione di valutazione tecnica, il Cda ha conferito l’incarico per il triennio 2022-2024 a Cristian Della Chiara, già responsabile Marketing e Relazioni istituzionali della manifestazione e dal 2008 coordinatore organizzativo della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, che succede a Olivier Descotes. Entrambi entreranno in carica dal primo gennaio 2022. Nato a Lima, ma pesarese d’adozione, Juan Diego Flórez è strettamente legato al Rof fin dagli esordi: il suo debutto a Pesaro nel 1996 nel ruolo di Corradino nella prima mondiale moderna di Matilde di Shabran gli ha aperto le porte dei più importanti teatri e istituzioni musicali di tutto il mondo. Tenore rossiniano di riferimento, anche se ha progressivamente allargato il suo repertorio, è ospite regolare del Rof, per il quale ha interpretato 15 produzioni liriche e 11 tra concerti e partiture sacre. Nella scorsa estate è stato protagonista del Gala Rossini, che ne ha celebrato i 25 anni di carriera a Pesaro, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. È fondatore e presidente dell’Associazione ‘Sinfonia por el Perù’, ambasciatore dell’Unesco e Artista Kammersänger. “Sono molto contento ed onorato della nuova avventura artistica che rappresenta per me questo incarico, soprattutto perché mi viene conferito dal Festival dove sono nato artisticamente quando avevo solo 23 anni – le sue prime dichiarazioni -. Ho un forte legame con il Rof e con la città di Pesaro, e da parte mia mi adopererò per conciliare nel miglior modo possibile la mia carriera di tenore con questo nuovo prestigioso ruolo. Con l’esperienza acquisita nel mondo dell’opera, potrò essere di aiuto al sovrintendente Palacio nello sviluppo dei programmi futuri e delle scelte artistiche”. “Il mio rapporto personale e lavorativo con Juan Diego è nato nel 1994 – ricorda Palacio, con un passato da celebre tenore rossiniano e mentore del più giovane collega -. Da quel momento, abbiamo avviato una stretta collaborazione artistica. Spesso i suoi suggerimenti e le sue idee mi sono state molto utili, ed è per questo che gli ho proposto di assumere questo nuovo incarico, pur continuando la sua carriera di cantante. Il suo contributo sarà fondamentale per questa nuova pagina della storia del Rof”. Per il presidente del Rof Daniele Vimini “cominciamo oggi a disegnare un nuovo corso per il futuro del Rossini Opera Festival”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...