Naddei e Sabrina Rocchi insieme per “Ripensandoci”, l’album omaggio a Jula De Palma

NADDEI / SABRINA ROCCHI
Ripensandoci
Disponibile in vinile e digitale l’album “Ripensandoci”, omaggio a Jula De Palma definita negli Anni ’50 la “signora del jazz italiano”

ASCOLTA L’ALBUM SU SPOTIFY

A distanza di circa due anni dall’ultimo progetto discografico “Mostri”, torna sulle scene il musicista, produttore e arrangiatore Naddei (già Francobeat). Questa volta insieme alla cantante (e moglie) Sabrina Rocchi, con cui pubblica – in formato vinile e online per l’etichetta L’Amor Mio Non Muore – l’album “Ripensandoci“, un sentito omaggio alla cantante Jula De Palma, protagonista della scena italiana negli Anni ’50, ’60 e ’70, per poi trasferirsi in Canada con la famiglia nel 1974. L’uscita del disco – che coincide con il compleanno di Jula – è stata anticipata dai singoli “Se qualche volta” (brano scritto da Franco Califano e qui pubblicato in doppia versione, una cantata da Sabrina Rocchi, l’altra da Naddei), e “Per due parole” (canzone che fa parte della colonna sonora composta da Mario Nascimbene per il film “Summit” uscito nel 1968 ed interpretato da Gian Maria Volontè e Mireille Darc). Il disco è a tutti gli effetti un’operazione di ricerca, recupero e riproposizione del repertorio di una delle voci più belle del panorama musicale italiano. Scoperta da Lelio Luttazzi (che la fece esordire giovanissima con la CGD di Teddy Reno), Jula De Palma fu definita “la signora del jazz italiano”. Troppo presto però si ritirò dalle scene, per sua stessa decisione, appena raggiunse l’apice della sua carriera. “Ha ragione tuo marito: siamo musicalmente affini. Dagli esempi che mi hai mandato sento che la tua emissione, il tuo modo di dividere le parole e valorizzarle, la tua interpretazione, mi sono tanto vicini. Finalmente una cantante che canta e pensa come la penso io. E senza copiature odiose. Sono orgogliosa che dedichiate a me e ad alcune delle mie canzoni preferite questo disco. La nuova veste che avete dato ad ogni pezzo, non ignorando il cosiddetto punto di partenza, mi entusiasma. Gli arrangiamenti sono bellissimi e tu Sabrina sei una splendida interprete”. (J. De Palma). Il disco, realizzato in collaborazione con Crinale Lab, è stato registrato e prodotto nello studio totalmente analogico de L’Amor Mio Non Muore di Forlì, ed hanno preso parte musicisti del calibro di Vincenzo VasiAlfredo Nuti Dal Portone (Supermarket, Extraliscio), Antonio Gramentieri (Sacri Cuori, Don Antonio) e Alberto Bazzoli (Collettivo Ginsberg, Superpop). L’album ha inoltre un filo conduttore: una valigia sempre presente, dal video di “Se qualche volta” alle varie copertine. “La valigia è il nostro fil rouge. Rappresenta un contenitore di emozioni, perlopiù ricordi, piacevoli ma anche spiacevoli, che di fatto sono in continuo movimento. Perché i ricordi cambiano nel tempo, sono in continua evoluzione nella nostra mente. Dunque potremmo dire anche che questa valigia simboleggia un po’ tutti i brani di questo disco: canzoni del passato, dei ricordi, che ritornano dopo un viaggio che li ha cambiati profondamente”. (S. Rocchi)


 Contatti

Facebook

Instagram

Crinale Lab

L’Amor Mio Non Muore

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...