Sulic, magia 4 Stagioni con violoncello A Trieste prima mondiale, “Una sfida, come quelle con i 2Cellos”

“Mi piacciono le sfide, anche quando torno alle mie origini, quelle della musica classica”. Luka Sulic, metà dei travolgenti 2Cellos (fondati e portati avanti con l’amico e collega Stjepan Hauser), dopo due anni di meticoloso lavoro ha debuttato ieri sera a Trieste, accompagnato dall’Orchestra del Teatro Lirico Giuseppe Verdi, con la prima mondiale de Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi, trascritte per violoncello solista e orchestra d’archi. Un progetto che nessuno prima di lui aveva mai tentato. “Tecnicamente è stata una sfida ambiziosa, perché non è stato semplice adattare la parte del violino, che è uno strumento più raccolto con una corda più alta, al violoncello – racconta Sulic – .Muoversi lungo tutto lo strumento è stato come essere un po’ Spiderman”. Non è un caso che abbia scelto Vivaldi: l’amore per il compositore italiano nasce in lui fin da ragazzo. “È perfetto per far innamorare qualcuno della musica classica. È intenso, a suo modo rock”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...