Francesco Moneti corre da solo con Cosmic Ramblers

Violinista e polistrumentista di Modena City Ramblers e Casa Del Vento, l’artista toscano uscirà il 22 gennaio 2021 con un visionario album di inediti per New Model Label dist Audioglobe. Con i chilometri che ha fatto per “colpa” della musica sarebbe arrivato dall’altra parte del mondo. A fermarlo ci ha pensato il Covid ma lui, animo tenace e pugnace, ha colto la fase statica della sua esistenza per realizzare un progetto al quale meditava da tempo. Il suo lavoro da solista si intitola Cosmic Rambler è uscirà il 22 gennaio. Ho avuto un privilegio e una fortuna: il primo è averlo ascoltato in anteprima, la seconda avere trovato una fessura in questa povera Italia che poggia su tre colori e averlo incontrato. A distanza, mascherati e nel rispetto delle regole stabilite nei palazzi romani. Cosmic Ramblers è un album realizzato in totale libertà che ha germogliato nel corso degli ultimi due anni, con un ristrettissimo nucleo di persone fidatissime, senza scadenze e senza pressioni. Nel disco troviamo le radici Irish che hanno reso celebre il suono delle sue band ma anche tanti altri elementi, dalle influenze africane a quelle balcaniche, mediorientali, e poi ancora, il rock, l’elettronica, la passione per gli strumenti a corde in ogni loro forma. Francesco Monetti ha ospitato nel suo album  Francesco Di Bella, voce nel singolo “Soweto Naples”, che vede anche il debutto di Moneti come cantante, oltre alla partecipazione di Alfonso “Fofo” Bruno, chitarrista e compagno di strada di Di Bella. Nello stesso brano segna il ritmo la batteria di Marco Confetti, musicista toscano che ha suonato con Sting. C’è poi un mito che si chiama Patrizio Fariselli, pianista e tastierista degli Area: il suo tocco inconfondibile al synth e al piano giganteggia in “African Scars”; Alfio Antico suona i suoi tamburi a cornice in “My Sweet Tsunami”, accompagnato da Mattia Antico al dulcimer. Francesca dedica ”Lorenzo The Magnificent” a suo figlio nato recentemente; la bellezza, l’originalità di questo brano è che riunisce tre generazioni di Moneti: Nanni, il padre, al banjo, Francesco ovviamente e un campione vocale del piccolo Lorenzo. Cosmic Ramblers racconta il viaggio musicale di un uomo che ama viaggiare ed ha viaggiato tanto, ma che mantiene forte il senso delle radici. Come l’astronauta perso nello spazio della copertina disegnata dal fumettista Daniele Caluri.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...