Fuori ora “Proserpine”, il nuovo album di Augustine

172334259_2534331086863540_6495672166111168011_n

Oggi 16 Aprile 2021 è disponibile per I Dischi Del Minollo “Proserpine”, il nuovo album di Augustine, a tre anni dal precedente Grief and Desire, anticipato dal lancio del singolo, Pagan a gennaio ed accompagnato dai rispettivo video diretto da Francesco Biccheri. Come il titolo suggerisce, la cantautrice veste simbolicamente i panni della dea latina dell’oltretomba. L’intero album ruota intorno a questa figura mitologica e – racconta Augustine – «nasce da un’idea di inesorabilità, di reclusione, di auto-esilio; di vita vissuta osservando il mondo da dietro una finestra». Si tratta di un viaggio introspettivo, un simbolico precipitare nell’Ade, una morte psicologica con le sue piccole rinascite. Le nuove sonorità, dense e cupe –musicalmente molto più vicine al Dark Folk, che al Dream Pop del disco precedente – ricalcano i contenuti tematici e riflettono il lavoro svolto in studio, una novità per la cantautrice, finora legata all’auto-produzione a all’home recording. L’album è infatti prodotto da Fabio Ripanucci, in collaborazione con Daniele Rotella, presso La Cura Dischi di Perugia. La narrazione musicale segue lo svolgimento del mito, avvalendosi di alcune simbologie cruciali, come il melograno. La figura della dea è posta nella sua dualità di dea degli inferi e dea legata alla primavera e alle messi: morte e rinascita, due temi chiave dell’intero album. Lo spunto autobiografico intimamente sofferto viene trasceso fino a toccare realtà occulte, più profonde ed insondabili. Gli arrangiamenti si aprono alla presenza di alcuni strumenti analogici dal suono fortemente caratterizzante (quali Moog e Rhodes), mentre le chitarre – quasi sempre acustiche – si fanno più taglienti. Le batterie elettroniche cedono il posto, in alcuni pezzi, alla batteria acustica. Le caratteristiche stratificazioni armoniche vocali sono sempre presenti, anche se meno eteree e sognanti, mentre la vocalità stessa è portata verso derive più viscerali. I testi raggiungono un carattere di forte intimismo, pur prediligendo forme chiare e semplici e strutture ritmiche scandite da rime, dall’andamento ossessivo e cantilenante, «da ninna-nanna». Ne risultano atmosfere oscure, lisergiche ed oniriche, talvolta aperte ad un fugace sprazzo di luce. L’immagine-guida di questo lavoro è costituita dal quadro di Dante Gabriel Rossetti Proserpina, che ritrae la dea nell’atto di guardare verso una fessura improvvisamente apertasi dalle porte del palazzo dell’Ade. La foto di copertina – opera di Francesco Capponi, realizzata con un autentico banco ottico Vittoriano – è una sorta di tableau vivant del quadro demarca una temporalità “altra”, quella solenne distanza che caratterizza l’album.


TRACKLIST

  1. Tower Stones
  2. Pomegranate
  3. Response of the Oracle
  4. Fanny, They Killed Me
  5. Pagan
  6. The Dark Place
  7. Moments of Pleasure and Joy
  8. How to Cut Your Veins Correctly
  9. Good News
  10. Adonis
  11. Anemones
  12. Deep, so Deep
  13. My Love Speaks Flowers

RICONOSCIMENTI

Tutti i brani sono scritti da: Augustine (Sara Baggini)

Prodotto da: Fabio Ripanucci, Sara Baggini e Daniele Rotella

Registrato, mixato e masterizzato presso: La Cura Dischi, Perugia

Pubblicato da: I Dischi del Minollo

Distribuito da: CD Baby (formato digitale) e Audioglobe (copie fisiche)

Sara Baggini: voce, chitarra, basso, Rhodes, tastiere, synth, percussioni, stomp-box, drum machine

Fabio Ripanucci: chitarre aggiuntive in Fanny, They Killed Me Moments of Pleasure and Joy, Rhodes, tastiere, Moog, percussioni, drum machine

Daniele Rotella: basso in Tower Stones e percussioni in Pomegranate

Massimo Margaritelli: basso in Fanny, They Killed Me Moments of Pleasure and Joy

Niccolò Franchi: rullante in Pagan e batteria in Moments of Pleasure and JoyHow to Cut Your Veins Correctly Adonis

Francesco Federici: tom in Pomegranate

Foto di copertina: Francesco Capponi

Melograno di ceramica: Maria Diletta Rondoni

Artwork: Antonio Rossi e Sara Baggini


DISPONIBILE PER TUTTI IL VIDEO UFFICIALE DEL SINGOLO “PAGAN

unnamed


BIOGRAFIA

Sara Baggini è una cantautrice, produttrice e poli-strumentista. Compositrice fin dalla prima adolescenza, si trasferisce da Sondrio a Perugia all’età di 19 anni, per frequentare l’Accademia di Belle Arti, dove si laurea in Pittura presso il corso del prof. Sauro Cardinali. L’arte visiva, espressa nell’attenzione per l’immagine, ricoprirà sempre un ruolo molto importante anche nella carriera musicale dell’artista. Dopo l’esordio nel 2010 con One Thin Line –e parallelamente ad alcune collaborazioni per formazioni elettroniche quali Alas Laikae Other Us – sceglie lo pseudonimo di Augustine, tratto dal nome dell’isterica, protagonista del saggio di Georges Didi-Huberman L’invenzione dell’isteria, poiché la paradossale condizione dell’isteria è assunta dall’autrice come paradigma del fare artistico, specialmente in quanto legato ad una complessa e problematica sensibilità femminile. Nel 2018 pubblica Grief and Desire, una sorta di romanzo autobiografico musicale, ben accolto dalla critica malgrado il carattere fortemente indipendente. Nel 2019 il video di Augustine, diretto da Francesco Biccheri, vince il II premio come “miglior videoclip italiano autoprodotto” al VIC – Videoclip Italia Contest. Nel 2021 pubblica il suo nuovo album, Proseprine, dando inizio ad una nuova collaborazione con l’etichetta I Dischi del Minollo. L’immaginario delle sue canzoni è alimentato dalla letteratura (per esempio Virginia Woolf e Sylvia Plath) e dalla pittura (i Preraffaelliti e Dante Gabriel Rossetti), così come dalla musica. La maggior parte delle influenze musicali provengono dalla scena britannica Post-punk, Dream Pop e Dark Wave degli anni ’80 (Cocteau Twins, Dead Can Dance, This Mortal Coil, Siuoxsie And The Banshees), ma anche da cantautrici ed artiste da lei amate (Kate Bush, Sinead O’Connor, Annie Lennox, PJ Harvey, Agnes Obel, Anna Calvi, St. Vincent, Bjork, Enya, Julianna Barwick, Meredith Monk). Temi ricorrenti delle canzoni sono: malattia, ipocondria, perdita, lutto, assenza, distanza, amore nascente e abbandono, colpa, biasimo, estasi e caduta. L’onirico ed il delirio – al confine con la consapevolezza – sono percepiti come i soli linguaggi possibili per generare un più profondo senso. L’artista si pone come oggetto e soggetto allo stesso tempo e – come l’isterica – nell’immagine di sé trova la propria identità: distorta, frammentata, eppure l’unica.


DISCOGRAFIA

Grief and Desire (2018 – autorpoduzione)

Proserpine (2021 – I Dischi del Minollo / La Cura Dischi)


INFO E CONTATTI

SITO UFFICIALE

EMAIL: info@augustinemusic.it

FACEBOOK

INSTAGRAM

YOUTUBE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...