ALEN: “BLACK”, LA FORZA E IL CORAGGIO DI SAPERSI RIALZARE, UN ALBUM PER LA COLLETTIVITÀ, UN RAP GENUINO E SPIRITUALE

Un caloroso saluto a tutti i nostri lettori affezionati, oggi vi presentiamo “Black” il nuovo album del rapper ferrarese Alen (Alen Accorsi), uscito il 7 giugno del 2021. “Black” include otto brani autobiografici, frutto delle esperienze accumulate dal rapper. Si parla principalmente di un amore ormai infranto e di come sia difficile (ma non per questo impossibile) rialzarsi e vivere nel presente, costruendo se necessario, una nuova vita, un nuovo io. Si analizzerà anche il comportamento della nostra società, un’ottima analisi socio-emotiva, è un album che ha molto da dire, non rimarrà indifferente al grande pubblico. Il primo brano “Rovine”, ci trasporta in un’atmosfera sonora introspettiva e sagacemente malinconica: un beat che sa colpire al cuore, un basso struggente, un synth che emana note misteriose e psichiche (che ci faranno meditare), un Alen imponente, cauto, poetico, sociologo e psicologo. “Rovine”, è un’attenta analisi sociologica della collettività e del dissesto temporale in cui viviamo: la frenesia della quotidianità, i bisogni non necessari indotti da un tipo di consumismo tossico, utilitarismo, individualismo estremizzato, la noia indotta da una routine che induce alienazione, corruzione dei costumi e della dignità sociale. “Rovine” condivide un sogno, una speranza che abbraccia l’intera umanità: cooperazione, rispetto, comprensione reciproca e amore, sono queste le quattro difese sacre che deve avvalersi l’umanità. Il secondo brano “Notti buie”, si avvale sempre di un timbro serio e nostalgico: un synth spirituale, un beat e un basso accattivanti, tastiere che emanano forti emozioni, il canto di Alen risulta brillantemente convincente, coinvolgente, appassionante e profondo. “Notti buie”, ricalca un tema importante: una rottura amara con la propria partner, la chiave di volta è saper rialzarsi, il tempo e la tenacia, sapranno aiutarci, a formare un nuovo inizio, saper ricominciare da capo, questo per non impallare completamente la nostra mente, siamo esseri umani con emozioni, non pc che possono essere formattati, prima o poi riusciremo a vivere nel presente, senza doverci attaccare ad una parte del nostro passato doloroso e nocivo. “Notti buie”, segna un altro punto a favore del rapper ferrarese. Il terzo brano, “Diamante”, ci trascina in un ambiente sonoro abbattuto, il tema principale: le cicatrici di un amore ormai perduto. “Diamante” si avvale di un beat solenne, con un basso reboante ma assolutamente magnetico, un synth che trasuda amarezza, Alen nostalgico e genuino. Il quarto brano, “Ore da soli”, riprende lo struggente ma importante tema dell’amore infranto. Il brano è sorretto da: un basso generoso, un beat al cardiopalma, il canto caldo, avvincente ed intimo di Alen, ci trasporta sulla luna. La quinta traccia “Freddo”, ripercorre le pene dell’amore: un cuore congelato, perché la fiamma dell’amore è stata spenta improvvisamente e senza nessuna spiegazione dell’altro partner. L’impalcatura sonora di “Freddo”, è costituita da: un synth mistico, un beat e un basso che inondano l’ascoltatore di preziosa calma emotiva, Alen trasmette tutta la sua sincerità vocale ed umana, si evince la sua immensa e giusta voglia di andare avanti, vivere nel presente, rimodellare una nuova vita, un altro brano che attiva automaticamente l’empatia dell’ascoltatore. Il sesto brano “Johnny”, si affaccia sullo stato d’animo della depressione, dell’angoscia, della delusione, Johnny è in effetti la nostra società, arrivata al “collasso esistenziale”. Il brano, presenta una sonorità suggestiva, data da un synth che emette note fluttuanti, leggiadre e appena vibranti, esse attirano positivamente l’attenzione dell’ascoltatore, basso e beat ben cadenzati, un Alen udibilmente e giustamente risentito, il rapper riesce saggiamente a scuotere l’animo dell’ascoltatore. Il settimo brano, “Un’altra come te”, ci riaccompagna nel tormento d’amore, ascolteremo un Alen segnato, coinvolgente, spirituale e un po’ malinconico (assolutamente comprensibile e convincente). Il brano, sfoggia un ampio uso di synth (dai toni alienanti e sapientemente spaziali), un beat e un basso elettrizzanti, ruggenti e adeguati. L’ultimo brano “Malinconia”, racconta la struggente storia d’amore, stroncata dalla ex del rapper. Sonoramente, “Malinconia” presenta un quadro interessante, avvolto da un bellissimo mix ambient, elettronico e hip hop: synth intrigante, celestiale e quasi religioso, beat e basso dinamici, Alen commovente e malinconico. Alen, con il suo album “Black”, ha saputo donare forti emozioni, la risonanza emotiva è molto apprezzata e si farà sentire. Non siamo di fronte al solito: rap, trap o hip hop, qui c’è intimismo, sincerità, condivisione del proprio bagaglio culturale, costituito dalle esperienze biografiche del rapper ferrarese, riuscire a scuotere e trascinare la pluralità, affinché possa imparare dagli sbagli altrui, è questo il concept riuscito di Alen.

Tracklist

1. Rovine

2. Notti buie

3. Diamante

4. Ore da soli

5. Il freddo

6. Johnny

7. Un’altra come te

8. Malinconia


Biografia

Alen Accorsi o semplicemente Alen, artista rapper ferrarese, classe 1989, si approccia alla musica all’età di tredici anni, inizia producendo basi strumentali e scrivendo i propri testi in italiano. Compone vari lavori, sia da solista che accompagnato da vari produttori emiliani. Produce: “Allergico” ai primi posti nel 2007, album prodotto con i Quattro Quarti, una comitiva di amici che si snodavano tra Producer ed Mc, nel 2015 uscì “Gemeni”, album interamente prodotto dall’artista, con alcune collaborazioni esterne, per poi pubblicare “Battiti e Respiri”, un doppio album prodotto interamente da Mattia Rossi, produttore che negli ultimi anni affianca il rapper con il supporto dei propri beat. Alen sfoga su carta tutti i suoi pensieri più profondi, trova essenziale esternare i passaggi della propria crescita, come le esperienze fatte nel corso degli anni attraverso la musica, in modo quasi liturgico, come fosse una liberazione delle riflessioni che si pone giorno per giorno. La passione per la sua musica, lo spinge a realizzare dei propri messaggi nei testi, non si mette in competizione con nessuno se non con se stesso, cercando di sorprendersi e di superarsi di volta in volta. Eclettico sempre alla ricerca di nuove ispirazioni e sonorità, nel 2014 si affaccia sul mondo del Crossover/ Numetal, dove nel corso degli anni entra a far parte di varie band locali, prima con i dDrop, dalle sonorità molto riconducibili ai Rage against the machines, con i testi sempre in italiano, per poi fondare, dopo un paio d’anni gli Shock Therapy, musicalmente più simili ai Limp Biskit fino a fare parte dei V.I.X.A, gruppo formato da quattro veterani nell’ambito del Metal che richiamano atmosfere più vicine allo Stoner. Alen lasciò quest’ultimo progetto dopo un paio di anni, per dedicarsi completamente al suono all’RnB ed al Soul. Inizia così, un nuovo percorso, fatto di una musica che lo ha sempre condizionato ed affascinato, fin dai primi anni, un ritorno alle proprie origini, intraprendendo la strada come se stesse tornando verso casa propria.


Riconoscimenti

Mixato da: Gabriele Bertolini

Prodotto da: Mattia Rossi

Distribuzione e promozione: (R)esisto


Contatti social

Facebook

Instagram

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...