Tra rock e tradizione una Taranta di liberazione

Avrebbero voluto scatenarsi e ballare i mille spettatori del Concertone della Taranta, al suono rock della “pizzica di liberazione”. Non è stato possibile, lo hanno impedito le norme anti-Covid che hanno consentito soltanto posti a sedere davanti alla bellissima facciata dell’ex convento degli Agostiniani a Melpignano (Lecce), dove solitamente La Notte della Taranta coinvolge un fiume di persone al Concertone finale. Ma lo show è andato comunque in scena, con il suo messaggio di tradizione e innovazione narrato da Albano Carrisi: il tre tenori del Volo hanno intonato una delle canzoni simbolo della tradizione salentina, Calinitta. Madame, maestra concertatrice insieme a Enrico Melozzi direttore d’orchestra, vestita di bianco, ha incantato tutti: la generazione Z che, riscrivendo, cantando e ballando, riporta a nuova vita, una vita “rock”, una tradizione antichissima come quella della musica salentina. L’artista 19enne ha intonato Marea, Rondinella e Diimmi ca nu me voi ca su piccinna. Ha parlato di amore, di comprensione. Un messaggio forte, contro ogni forma di divisione. Come lei, anche Al Bano ha parlato d’amore. Del legame con le radici, con la propria casa. Ha omaggiato Modugno, con “Amara terra mia”. Due le orchestre sul palco. Si sono incontrate le sonorità della dell’Orchestra Notturna Clandestina diretta da Melozzi e dell’Orchestra Popolare della Notte della Taranta, che è ambasciatrice ufficiale della pizzica nel mondo. Una a sinistra e una a destra del palco: archi e tamburelli. Il tema di questa ventiquattresima edizione è stato il valore della libertà. Nella rivisitazione di Melozzi e Madame i brani della tradizione popolare hanno assunto una nuova veste. Ad aprire il Concertone, la Pizzica della liberazione composta da Melozzi. A chiudere, Fimmene Fimmene, il canto di dolore al femminile del Salento. Protagonista anche la danza, con le coreografie di Thomas Signorelli, interpretate dal Corpo di Ballo della Taranta e da altri danzatori accademici. Il Concertone della Taranta sarà trasmesso per la prima volta da Rai Uno, il 4 settembre alle 23:15.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...