Fondazione Notte della Taranta, l’appello alla Regione Puglia: “La Taranta non sia solo tv ma torni ad essere cultura”

Avviare ”una riflessione sull’operato della Fondazione Notte della Taranta e su quanto si sta compiendo sotto i nostri occhi. Magari aprendo – in qualità di governo regionale – un tavolo di discussione onesta e circolare sulle “promesse tradite” delle istituzioni pubbliche rispetto a un movimento culturale nato dal basso”. È quello che si chiede in un appello al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e all’Assessore alla Cultura e al Turismo Massimo Bray, firmato da esponenti della cultura e dello spettacolo (da Andrea Carlino a Lele Marchitelli, da Guido Ruotolo a Paolo Pagliaro, da Sandro Cappelletto a Ferdinando Blasi) ma anche della società civile. Si parte dalla denuncia della “deriva commerciale e televisiva della Notte della taranta” che a loro avviso ”hanno procurato un profondo snaturamento e svilimento del “patrimonio” che si vorrebbe “valorizzare”‘. Per questo – scrivono ancora – chiamiamo in causa la Fondazione Notte della Taranta, istituto che impegna una percentuale cospicua del budget regionale per lo spettacolo dal vivo, e di fatto controllata dall’ente regione e comuni della Grecìa salentina, che dunque ne condividono anche le responsabilità gestionali”. Questo per chiedere ”un’operazione volta alla trasparenza sul piano dei rapporti contrattuali con l’emittente televisiva”, ma soprattutto per proporre ”alcune proposte operative, frutto di una ormai lunga concertazione: – occorre una modifica allo Statuto della Fondazione, che preveda esplicitamente una percentuale minima del bilancio annuale (ad esempio il 30%) da destinare a progetti culturali che non siano il Concertone e il relativo festival”. ”Fra gli obiettivi prioritari della Fondazione – sostiene l’appello – dovrebbero esserci la creazione e la gestione di una biblioteca e di un archivio multimediale dedicati alla musica salentina e al tarantismo, da mettere a disposizione, con le competenze adeguate, di cittadini, studiosi e appassionati”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...