Julius Caesar apre la stagione dell’Opera di Roma e trionfa. Applausi a Carsen e Gatti per la versione moderna del dramma

La tensione continua e incalzante, generata dal flusso musicale magmatico di Giorgio Battistelli e una messa in scena potente pensata dal regista Robert Carsen hanno reso trionfale l’apertura di stagione 2021-2022 dell’Opera di Roma con la tragedia ”Julius Caesar”. Il pubblico che il 20 novembre ha gremito il Teatro Costanzi per questa prima assoluta del lavoro commissionato espressamente al compositore romano su libretto in inglese di Ian Burton si è lasciato conquistare dalle strutture nervose e complesse di una musica contemporanea lontana anni luce dalla cantabilità dei titoli tradizionali del melodramma. L’orchestra dell’Opera di Roma, guidata da Daniele Gatti, al suo addio dopo tre anni da direttore musicale, e il coro hanno offerto una prova notevole. In platea, anche il neo sindaco di Roma Roberto Gualtieri, presidente della Fondazione Teatro dell’Opera. Ai grandi meriti di Battistelli, Leone d’Oro alla carriera, che ha costruito una rete sonora avvolgente e solida con squarci improvvisi enfatizzati dalle percussioni e dagli ottoni, si è affiancato l’allestimento studiato dal regista canadese. Carsen ha ambientato nella Roma di oggi la vicenda che ricalca il capolavoro di Shakespeare. Il tempio della politica dell’Urbe lascia il posto agli scranni di un Senato dei nostri giorni tra i quali si muovono personaggi in giacca, cravatta e valigetta. È così che i moderni Cassio e Bruto, temendo la tirannide, decidono il piano per eliminare Giulio Cesare, proprio quando il popolo vuole che sia proclamato re. Al termine il pubblico ha premiato tutti con lunghi applausi e battito di piedi che hanno sovrastato qualche sparuto ‘buu’ dai loggioni. Omaggio particolare per il compositore salito sul palcoscenico con Carsen e Gatti. Molti apprezzamenti per il cast, quasi tutto di madre lingua inglese: Clive Bayley (Julius Caesar), Elliot Madore (Brutus), Julian Hubbard (Cassius), Ruxandra Donose (Calpurnia, unico ruolo femminile), Dominic Sedgwick (Antony), Michael Scott (Casca), Hugo Hymas (Lucius), le scene di Radu Boruzescu, i costumi di Leon Carvalho, le luci di Peter Van Praet e dello stesso Carsen.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...