Le Goldberg Variations di Bach al Ravenna Festival

Nel percorso bachiano che Ravenna Festival ha scelto di tracciare per celebrare il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, intellettuale legato da una passione profonda proprio alla musica di Johann Sebastian Bach, non poteva certo mancare quel capolavoro assoluto di impeccabili geometrie che sono le Variazioni Goldberg. Le eseguirà domani sera al Teatro Alighieri il pianista francese David Fray, uno dei più interessanti e apprezzati pianisti delle ultime generazioni. Composte per clavicembalo, l’Aria e le 30 variazioni, in sol maggiore, BWV 988, dall’inizio del secolo scorso sono state affidate al più moderno pianoforte, e con esse si sono misurati praticamente tutti i pianisti. L’Aria da cui tutto scaturisce, in tempo lento di Sarabanda, consta di 32 battute, così come il basso ostinato sulla cui ripetizione si dipanano le variazioni è formato da 32 battute; e tutto l’insieme è formato di 32 elementi – poiché dopo le 30 variazioni l’aria ritorna nuovamente a farsi sentire. E poi quel nome, “Goldberg”, che dai primi dell’Ottocento si è imposto a definire l’opera, probabilmente frutto di un aneddoto pressoché infondato: sembra infatti che fosse il nome del clavicembalista del conte Keyserlingk il quale avrebbe chiesto a Bach di comporre per lui alcuni pezzi adatti a conciliargli il sonno. Che le “Goldberg” non siano soporifere è fuori discussione. Piuttosto, come scrive David Fray – nel cui repertorio un posto speciale spetta a Bach, di cui recentemente ha inciso proprio queste Variazioni – si tratta di “un’opera immensa per proporzioni e ricchezza, ed è soprattutto un lungo viaggio la cui conclusione coincide con l’inizio. Sorge allora la domanda: si tratta davvero di una conclusione, o piuttosto di un perpetuo ricominciare, di un ciclo eterno che nulla potrà mai interrompere?”. Sempre domani, alle 21:30 alla Rocca Brancaleone, Ravenna Festival propone anche il film Medea, che, nella visione e con la regia di Pier Paolo Pasolini, ha il volto di Maria Callas. 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...