ECOFIBRA: “MALEDETTO VINTAGE”, RINNOVAMENTO, MATURAZIONE PERSONALE E PRESA DI COSCIENZA

Un caloroso saluto a tutti i nostri lettori, oggi vi presentiamo “Maledetto vintage”, debut album della rock band ferrarese Ecofibra capitanata dalla valente Alessia Piva. Il disco è stato prodotto il 22 aprile del 2022, pubblicato e distribuito da Alka Record Label, con la produzione artistica di Michele Guberti, registrato e mixato presso il Natural HeadQuarter Studio di Ferrara. “Maledetto Vintage” è prodotto da Materiali Musicali e Alka Record Label, in collaborazione con Massaga Produzioni, grazie al sostegno della Legge sulla Musica della Regione Emilia Romagna. L’album è composto da otto tracce rock corroboranti, arricchite da leggere pennellate ambient e punk. “Maledetto Vintage” rilascia autentiche e genuine risonanze emotive, è certamente un lavoro discografico ammirevole e valido sotto tutti i punti i punti di vista. Questo disco è senza ombra di dubbio un ottimo apporto emotivo per qualsiasi ascoltatore, è la voce contro ogni sopruso possibile e immaginabile: una denuncia musicale, sociale e politica a 360 gradi. Con “Maledetto Vintage” la bandiera del rock e della musica indipendente italiana è salva e ben rinvigorita. Il primo brano “Pranzo di critiche”, cattura immediatamente l’attenzione degli ascoltatori per il suo rock risoluto e liberatorio: un basso energico, una batteria magistrale, chitarre elettriche sensazionali, una Piva combattiva. Il secondo brano “Sospesi”, emana vibrazioni positive: basso mastodontico, chitarre soavi, una Piva suggestiva. Il terzo brano “Abituata”, ci trasporta in un soave e irresistibile punk rock accompagnato da: chitarre ottimamente voluminose, basso spaziale, batteria aggressiva, una Piva imponente. Il quarto brano “Fiato corto” sfoggia un sagace ambient e rock misterioso e intraprendente. Il quinto brano “Buio”, è un capolavoro esistenziale, dall’anima rock e riflessiva: chitarre magistrali, basso eccelso, batteria sopraffina, una Piva talentuosa e generosamente emotiva. Il sesto brano “Basterai” propone un punk rock robusto e solerte. Il penultimo brano “Noiamaledizione” risulta contemplativo e profondo, esso rapisce per il suo sound ambient e rock. L’ultimo brano “Miracolo” risulta prodigioso e incalzante: batteria selvaggia, chitarre elettriche trepidanti, basso sovversivo, una Piva rocambolesca. Gli Ecofibra riescono a far breccia nei nostri cuori e nelle nostre menti grazie ad un comparto sonoro originale, anticonformista e schietto. Con “Maledetto vintage” si riscopre finalmente rinnovamento, maturazione personale e presa di coscienza. La band è promossa a pieni voti, non vediamo l’ora di ascoltare nuovi lavori discografici.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...